Ritratto

«Science that matters»

La Eawag è uno degli istituti leader a livello mondiale per la ricerca sulle acque. Con la sua molteplicità di competenze professionali, le strette collaborazioni con operatori professionisti e una rete internazionale, offre un ambiente eccellente per uno studio a tutto campo dell'acqua in quanto habitat e risorsa, per identificare i problemi tempestivamente e sviluppare soluzioni largamente accettate.

Eawag: l’Istituto per la Ricerca sulle acque nel Settore dei Politecnici Federali

Eawag è parte integrante del Settore dei PF, che comprende i due PF di Zurigo e Losanna come anche i quattro istituti di ricerca PSI, Empa, WSL ed Eawag. La sede centrale della Eawag è a Dübendorf, Zurigo. Lì si trova anche la biblioteca comune degli istituti di ricerca del Settore dei PF (Lib4RI), il Centro Ecotox e un asilo nido. Inoltre, non lontano da Lucerna, direttamente sul Lago dei Quattro Cantoni, a Kastanienbaum, la Eawag gestisce il Centro di competenza per l’Ecologia, l’Evoluzione e la Biogeochimica (CEEB).

L’infrastruttura di ricerca della Eawag offre un ambiente perfetto per la ricerca nel campo della scienza e tecnologia acquatica. I dipartimenti di ricerca della Eawag si concentrano su tre tematiche:

Curiosità per la ricerca e trasmissione di nuove conoscenze

In Eawag lavorano a stretto contatto ricercatori e ricercatrici nel campo delle scienze naturali, delle scienze dell'ingegneria e delle scienze sociali. Infatti spesso la tecnologia rappresenta solo il punto di partenza per risolvere un problema, mentre sono i processi politici e sociali che mettono a punto una soluzione a lungo termine. I ricercatori e le ricercatrici vengono supportati in questo dal personale tecnico e amministrativo dei dipartimenti di assistenza al fine di poter attuare con successo i loro progetti.

Eawag collabora inoltre con una vasta rete di partner per beneficiare dello scambio reciproco di know-how e sviluppare assieme soluzioni orientate alla pratica. Attraverso la consulenza, il trasferimento di conoscenze e tecnologie, i corsi PEAK, la giornata informativa e le pubblicazioni, Eawag condivide a fini pratici i risultati delle sue ricerche con esperti di economia e amministrazione nonché con uffici tecnici e ambientali. Ciò consente loro di aggiornare le proprie conoscenze.

Investire nella prossima generazione

La formazione universitaria gioca un ruolo fondamentale in Eawag. Attraverso cattedre comuni e docenti presso l’ETH di Zurigo e l’EPFL, le scuole universitarie nazionali e internazionali come anche presso le scuole universitarie professionali, la Eawag può sviluppare il contatto con giovani ricercatori e ricercatrici e promuovere lo scambio delle conoscenze. Fin dall’inizio, gli studenti e le studentesse collaborano ai progetti e i/le dottorandi/e trovano le condizioni ideali per la loro tesi. Eawag promuove i talenti attraverso la «Borsa di studio Postdoc Eawag». Studenti e studentesse di Paesi sottosviluppati, grazie al «Programma di partenariato Eawag per Paesi in via di sviluppo», hanno la possibilità di fare ricerca presso la Eawag e di trasferire il know-how acquisito ai loro Paesi d’origine.

Anche la formazione professionale è prioritaria per la Eawag, che, al riguardo, offre ogni anno vari posti di apprendistato per coloro che frequentano una scuola professionale. Professionisti esperti assistono e aiutano gli apprendisti ad acquisire competenze professionali, metodologiche, sociali e personali.

Una rete capillare a livello nazionale e internazionale

La collaborazione internazionale e la composizione del suo staff sono di primaria importanza per la Eawag. Quasi la metà dei collaboratori e delle collaboratrici proviene dall’estero. Ricercatori e ricercatrici della Eawag collaborano altresì con numerosi organismi nazionali e internazionali – in veste di membri di associazioni scientifiche, consiglieri di rinomati istituti di ricerca o in commissioni transfrontaliere.

Foto principale: I ricercatori della Eawag Giulia Gionchetta e Robert Niederdorfer preparano dei campioni per analizzare la diffusione delle resistenze agli antibiotici nel microbioma dei fanghi di depurazione mediante sequenziamento in tempo reale (Foto: Christian Dinkel, Eawag).